Notizie
Immagine in primo piano
Il cardinale Gerhard Müller (L) viene intervistato da Tucker CarlsonYouTube/Screenshot

Nota bene: questo articolo è stato tradotto automaticamente in italiano.

(LifeSiteNews) - Il cardinale Gerhard Müller, ex prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, ha difeso il cristianesimo come elemento centrale del successo della cultura occidentale, dicendo a Tucker Carlson che "senza il cristianesimo, l'Occidente non è nulla".

In un'intervista pubblicata il Sabato Santo, Carlson ha chiesto al cardinale Müller la sua opinione sullo stato attuale del mondo occidentale.


Quando il conduttore di un programma conservatore di alto profilo ha chiesto a Müller come pensa che sarà l'Occidente tra 100 anni, il cardinale tedesco ha detto di non poter prevedere il futuro, ma ha offerto una spiegazione dei principi guida che ritiene necessari.

L'ex capo dottrinale ha detto che un futuro migliore è possibile solo "con un rinnovamento della comprensione cristiana, che è la nostra cultura".

"Senza il cristianesimo, l'Occidente non è nulla; è solo un territorio, ma senza cultura, senza spirito, senza identità".

"È quindi molto importante guardare alle radici della nostra cultura, alla filosofia greca, al [diritto] romano... insieme all'Antico e al Nuovo Testamento, cristiano ed ebraico, una grande tradizione. Nonostante le differenze che abbiamo, la base della cultura occidentale è la stessa", ha dichiarato Müller.

"Con il Vangelo, la buona notizia, possiamo preparare la via del Signore".

Müller ha sottolineato che attraverso Cristo tutti hanno "la speranza che le cose brutte, la sofferenza, la morte" e "l'ingiustizia dei ricchi e dei potenti contro i poveri e le persone normali non saranno l'ultima parola".

Invece, "in Gesù Cristo abbiamo l'ultima parola di Dio, ed è il nostro salvatore", ha detto.

Müller: C'è una guerra contro i "bambini non nati" e gli anziani

Müller ha detto a Carlson che non ci sono solo "guerre militari", ma anche "guerre contro la vita umana, contro i bambini non nati, contro gli anziani".

Il prelato ha criticato il "pensiero funzionale" materialista che porta le persone a ritenere che gli anziani, non fornendo più valore economico, non abbiano "più valore profondo".

"È assolutamente contrario alla nostra convinzione cristiana", ha sottolineato. "Ognuno ha una dignità profonda, che non può mai perdere".

Questa è, per me, la situazione del mondo; dobbiamo anche lottare per la dignità di tutti.

Noi [cristiani] siamo gli araldi della dignità di tutti in ogni Paese e dobbiamo lavorare per la libertà, per la giustizia sociale e per promuovere tutti i valori umani. Questa è l'importanza della Chiesa, di tutti i cristiani, di tutto il cristianesimo per il mondo di oggi e per il nostro secolo a venire. E penso che senza il cristianesimo non ci sia una vera speranza per l'umanità.

La terza guerra mondiale sarebbe "l'ultima guerra mondiale".

Müller ha avvertito che una terza guerra mondiale deve essere evitata perché "se avremo la terza guerra mondiale, sarà chiamata "l'ultima guerra mondiale"". E ha proseguito affermando che:

Questa sarà la fine della nostra comunità umana su questo pianeta, perché la potenza delle armi oggi è così brutale da poter porre fine alla nostra esistenza umana.

È assolutamente contro la volontà di Dio, noi siamo, nonostante le differenze nella nostra fede e nelle nostre religioni, [...] siamo fratelli e sorelle di un solo Dio, il Padre.

Il concetto di fratellanza è approfondito in Gesù Cristo e nella rivelazione cristiana, ma all'inizio della creazione della nostra esistenza umana, siamo fratelli e sorelle, e ognuno di noi ha suo padre e sua madre, il nonno, la nonna. E così, il susseguirsi di tutte le generazioni ed eccoci biologicamente e culturalmente, siamo legati nell'unica umanità.

Siamo di fronte a "poteri anti-umani

Müller ha detto a Carlson che "siamo minacciati da poteri anti-umani, dove il partito o l'ideologia sono più importanti della ricchezza e del bene del proprio popolo".

"Vogliono fare grandi espansioni del loro potere, tutte queste malefatte che stanno portando a guerre e a sofferenze di milioni e milioni di persone".

Il cardinale tedesco ha detto che c'è "un grande compito negli Stati Uniti per superare le tentazioni di diventare uno Stato orwelliano. Quando un partito vuole dominare con la sua ideologia, deve penetrare in tutte le università e in tutti i mass media. Abbiamo bisogno di diversità, di una discussione libera".

A un certo punto dell'intervista, Carlson ha chiesto a Müller se pensasse che fosse vero che, sotto Papa Francesco, il Vaticano "sembra molto più allineato con un movimento politico globale con politiche progressiste che in qualsiasi altro momento del passato".

Il cardinale ha offerto una velata critica all'allineamento di Francesco alle politiche globaliste, senza nominare direttamente il Pontefice.

Müller ha detto che un Papa, in quanto "autorità morale in tutto il mondo", non dovrebbe dare alle élite politiche del mondo "l'impressione di poter usare e abusare dell'autorità papale per le loro idee, il cosiddetto Nuovo Ordine Mondiale e l'Agenda 2030".

LEGGI: Papa Francesco elogia Klaus Schwab e il World Economic Forum nel messaggio inviato al vertice di Davos del 2024

"Lui [il Papa] ha alcuni incontri con questa cosiddetta élite o con i politici o con i capi di Stato, ma penso che sia più importante ammonirli e dire cosa è giusto, cosa è buono e cosa è cattivo".

"E quindi, dobbiamo mantenere una certa distanza dalla leadership politica, e dobbiamo dare un grande contrasto alle ideologie sbagliate, che sono dietro l'ideologia del potere", ha affermato il cardinale.

"Penso che nessuno sia in grado di creare un Nuovo Ordine Mondiale solo con il denaro e il potere politico. Penso che la cosiddetta élite autoproclamata non abbia gli strumenti intellettuali e morali per rimodellare il mondo. Sono interessati solo a fare soldi e se queste persone sono ai primi posti nella lista di Forbes, non significa che abbiano una qualifica speciale per gestire il mondo", ha concluso.