Featured Image
Marco Tosatti Jim Hale / LifeSiteNews
Marco Tosatti

News,

Amazon Synod working doc backs Francis’s devastating claim that God wills ‘diversity of religions’

Marco Tosatti

Note: On Oct. 4, 2019, Voice of the Family, a coalition of pro-life and pro-family organizations, hosted a roundtable discussion in Rome to address critical questions for the Church and for the family on the eve of the Synod of Bishops for the Pan-Amazon region. Read LifeSiteNews’s report on this event here. Below is the full address, in an English translation and then in the original Italian, given by Marco Tosatti.

October 4, 2019 (LifeSiteNews) — Pope Francis has signed a document in Abu Dhabi that contains a sentence that has explosive consequences for the Catholic faith. Here it is: “The pluralism and diversity of religions, color, gender, race, and language are willed by God in His wisdom.” The implications of a sentence of this kind are evident: if God has willed — and the verb “willed” must be emphasized — that several religions should exist, it can be inferred that all religions are the divine will and therefore any person is free to choose the religion most suited to him, with a clear conscience, in the awareness of doing the will of God, and in consequence deserving of salvation at the end of his earthly life...if the religion — “willed” by God according to the document signed in Abu Dhabi — presupposes salvation and life after physical death.

Subsequently, at the general audience on Wednesday, April 3, 2019, Pope Francis uttered these words: “Why does God permit the existence of so many religions? God has willed to permit this: the theologians of scholasticism refer to the permissive will of God. God willed to permit this reality.” One might think, after the criticisms expressed by many, in particular Msgr. Athanasius Schneider in person to the reigning pontiff, that the pope had accepted the advice to modify the meaning of the declaration signed at Abu Dhabi. Yet the document remains what it is, in its full gravity, to the extent that a committee has been formed whose specific function is to circulate the document, without a gloss — i.e. including the offending sentence.

This sentence is profoundly wrong from a Christian, and Catholic, standpoint (also from a Hebrew standpoint, if we wish to go back even farther; also, I believe, from an Islamic standpoint). This sentence contradicts the fundamentals of the divine Revelation because in the Decalogue, God says: “I am the Lord your God, who brought you out of the land of Egypt, out of the house of slavery; you shall have no other gods before me. You shall not make for yourself any idol or image, whether in the form of anything that is in heaven above, or that is on the earth beneath, or that is in the water under the earth. You shall not bow down to them or worship them” (Ex. 20:2–5).

Nor can it be asserted that a correction was later made by our Lord Jesus Christ, because Jesus himself provided a confirmation: “It is written: You shall worship the Lord your God, and serve none but Him” (Matt. 4:10). In this regard, both the First Commandment and subsequent affirmations of the Holy Scriptures in the New Testament have always been interpreted by the Catholic Church as follows: that it is the will of God, His positive will, that all men should worship only God the Father, God the Son, and God the Holy Spirit, the only Lord and God. The Catechism of the Catholic Church teaches: “Since they express man’s fundamental duties towards God and towards his neighbour, the Ten Commandments reveal, in their primordial content, grave obligations. They are fundamentally immutable, and they oblige always and everywhere. No one can dispense with them. The Ten Commandments are engraved by God in the human heart” (section 2072).

What can be said? The reigning pontiff has for some time accustomed us to hearing from his own mouth questionable assertions of all kinds. However, this sentence has a particular value and is of serious gravity: it is written, signed, forms part of a document signed with a leader of another religion. From a pastoral viewpoint, this could be a bombshell of devastating effect. If there is no clarification — which will unfortunately not happen, knowing as we do the key protagonist in this matter — which should in reality be a recantation, the Catholic faithful will be left with the notion that they belong to one of the possible churches willed by God. Not the only Church, not the Church that points the way — alas, narrow — to eternal life, merely one of the possible churches.

At this juncture, therefore, one cannot imagine what value can be attributed by the reigning pontiff to the validity of the First Commandment in the Decalogue or what the pontiff may believe with regard to the divine obligation of all men, of their free will, to believe in and adore Jesus Christ as the sole savior of humanity. If we are to believe in the Gospel, God has commanded all men as follows: “This is my Son, the Beloved; with him I am well pleased; listen to him!” (Matt. 17:5).

Free will has been given so that man is able to judge and choose, with complete freedom in deciding to follow and adore God in his truth, which, for Christians, is Christ, not to opt for any religion from a range of possibilities of equivalent value. Furthermore, one does not know — or indeed one knows only too well — what value the pontiff can ascribe to the Mission ad Gentes, after this sentence. Why do I have to become a missionary if all religions are willed by God?

Personally, I believe that this declaration is one of the most devastating sentences for Catholicism ever uttered by a pope and that it is a substantial affirmation of relativism. There is unfortunately confirmation of this in the instrumentum laboris for the Amazon Synod, to begin in the Vatican within the next few days. In this document, too, the figure and role of Christ as the sole savior and the Church as the path to eternal salvation are obscured by other concerns: ecology, listening to the indigenous tradition, the notion of the Amazon as a locus theologicus... A document judged with great severity by eminent scholars and cardinals.

**

Papa Francesco ha sottoscritto ad Abu Dhabi un documento in cui è contenuta una frase che ha conseguenze esplosive per la fede cattolica. Eccola: “Il pluralismo e la diversità delle religioni, il colore, il sesso, la razza e il linguaggio sono voluti da Dio nella sua saggezza”. Sono evidenti le implicazioni di una frase del genere: se Dio ha voluto – e bisogna sottolineare questo verbo, “voluto” che esistessero diverse religioni, se ne deduce che tutte le religioni sono volontà divina, e quindi ogni persona può scegliere la religione che più gli attaglia, tranquillo nella sua coscienza di fare la volontà di Dio, e di meritarsi di conseguenza la salvezza alla fine della vita terrena. Se la religione – “voluta” da Dio, secondo il documento di Sbu Dhabi – presuppone una salvezza, e una vita dopo la morte fisica.

Successivamente, nell’udienza generale di mercoledì 3 aprile 2019, Papa Francesco ha pronunciato queste parole: “Perché Dio consente che ci siano tante religioni? Dio ha voluto permettere questo: i teologi della Scolastica facevano riferimento alla voluntas permissiva di Dio. Egli ha voluto permettere questa realtà”. Si può pensare che dopo le critiche espresse da molti, e in particolare, di persona con il Pontefice regnante da mons. Athanasius Schneider, il papa sia stato consigliato di modificare il senso della dichiarazione firmata ad Abu Dhabi. Ma il documento resta quello che è, in tutta la sua gravità; e anzi è stato creato un comitato che ha il compito specifico di diffonderlo, sine glossa, cioè con la frase incriminata.

Una frase profondamente errata dal punto di vista cristiano, e cattolico. (E anche ebraico, se vogliamo risalire più oltre; ma anche credo dal punto di vista islamico). Questa frase contraddice la Rivelazione divina, alle fondamenta, poiché Dio nel Decalogo dice: “Io sono il Signore, tuo Dio, che ti ho fatto uscire dal paese d’Egitto, dalla condizione di schiavitù: non avrai altri dei davanti a me. Non ti farai idolo né immagine alcuna di ciò che è lassù nel cielo né di ciò che è quaggiù sulla terra, né di ciò che è nelle acque sotto terra. Non ti prostrerai davanti a loro e non li servirai” (Es 20: 2-5).

Né si può affermare che successivamente da parte di Nostro Signore Gesù Cristo ci sia stata una correzione, perché anzi dalla bocca di gesù è venuta una conferma: “È scritto: Adorerai il Signore tuo Dio e solo a lui servirai” (Mt 4, 10). In questo senso sia il primo comandamento, che le affermazioni successive dei testi sacri del nuovo Testamento sono sempre state interpretate dalla Chiesa Cattolica in questo modo: che è volontà di Dio, volontà positiva, che tutti gli uomini rendano culto e adorazione solo a Dio Padre, Figlio e Spirito Santo, l’unico Signore e Dio. Il Catechismo della Chiesa Cattolica insegna: “Poiché enunciano i doveri fondamentali dell’uomo verso Dio e verso il prossimo, i dieci comandamenti rivelano, nel loro contenuto essenziale, delle obbligazioni gravi. Sono sostanzialmente immutabili e obbligano sempre e dappertutto. Nessuno potrebbe dispensare da essi. I dieci comandamenti sono incisi da Dio nel cuore dell’essere umano” (n. 2072).

Che cosa dire? Il Pontefice regnante ci ha abituati da tempo a sentire dalla sua bocca affermazioni di ogni genere, discutibili. Questa frase però ha un valore particolare e di grandissima gravità: è scritta, firmata, fa parte di un documento sottoscritto con un alto responsabile di un’altra religione. Da un punto di vista pastorale può essere una bomba dall’effetto devastante; se non c’è – come non ci sarà, purtroppo, conoscendo il protagonista principale di questa vicenda – una chiarificazione, che dovrebbe in realtà essere una smentita, i fedeli cattolici sono lasciati nell’idea che loro fanno parte di una delle possibili Chiese volute da Dio. Non l’unica, non quella che ti indica la strada – stretta, ahimè – verso la vita eterna; ma una delle possibili. E a questo punto allora non si capise che valore possa dare il Pontefice regnante alla validità del primo Comandamento del Decalogo, cosa possa pensare dell’obbligo divino di tutti gli uomini di credere e adorare, con il loro libero arbitrio, Gesù Cristo come unico Salvatore dell’umanità. Se dobbiamo credere al Vangelo, Dio ha comandato a tutti gli uomini: “Questo è il Figlio mio diletto, nel quale mi sono compiaciuto; ascoltatelo!” (Mt 17, 5). Il libero arbitrio è stato dato affinché l’uomo potesse giudicare, e scegliere, ma affinché potesse in piena libertà decidere di seguire e adorare Dio nella sua verità; che per i cristiani è Cristo. Non per optare fra una religione qualsiasi in un ventaglio di possibilità di eguale valore. Non si capisce inoltre – anzi, si capisce fin troppo bene – quale valore possa dare il Pontefice, dopo questa frase, alla Missione ad Gentes. Perché devo farmi missionario, se tutte le religioni sono volute da Dio? Personalmente, ritengo che questa dichiarazione sia una delle frasi più devastanti per il cattolicesimo mai pronunciate da un papa, una sostanziale affermazione di relativismo. E purtroppo trova una conferma attuale nell’Instrumentum Laboris del Sinodo sull’Amazzonia che si aprirà fra pochi giorni in Vaticano. Anche in quel documento la figura e il ruolo di Cristo come unico salvatore e della Chiesa come via di salvezza eterna sono messi in secondo piano da altri elementi: l’ecologia, l’ascolto della tradizione indigena, l’idea dell’Amazzonia come locus theologicus…Un documento giudicato in maniera molto severa da eminenti studiosi e cardinali.

FREE pro-life and pro-family news.

Stay up-to-date on the issues you care about the most. Sign up today!

Select Your Edition:

You can make a difference!

Can you donate today?


Share this article