LifeSiteNews.com

News

Letter from Professor Joseph Seifert on Archbishop Fisichella’s Article in L’Osservatore Romano

LifeSiteNews.com

By Professor Joseph Seifert
Founder and rector of the International Academy of Philosophy in Liechtenstein

May 1, 2009 (LifeSiteNews.com) - The recent publication of an article by PAV President Mons. Fisichella in the Osservatore Romano and its world-wide distribution and use by pro-abortionists as well as a press communication of Father Lombardi, have led to a deep crisis of the Pontifical Academy for Life and, more importantly, of the public perception of Church teaching on abortion. Countless persons and media in the whole world now attribute to the PAV and (because of the high authority its President is believed to possess in interpreting Church teaching on life), and to the Pope himself (because of the wording of a defense of Mons. Fisichella’s article by Father Lombardi) a propagation of a new moral doctrine diametrically opposed to the teachings of the Church and particularly to those of the Encyclical Evangelium Vitae, which is also the Magna Charta of the Pontifical Academy for life and  contains its raison d’être. In spite of his initial emphasis on Church teaching that any act of abortion brings with it automatic excommunication (latae sententiae) of all that perform or actively assist in abortion, Mons. Fisichella writes:

"How to act in such cases? A difficult decision for the doctor and for the moral code itself. ... the choice of having to save a life, knowing that this will put a second life at serious risk, is never made easily. ... However, to make this into a generalization would be incorrect as well as unjust."
"Carmen’s case posed one of the most delicate moral issues; to treat it summarily would not be doing justice either to her fragile person or to those involved in the incident in different ways. Thus, just like every individual and specific case, it needs to be analyzed in detail, without generalizations."
"Others deserve excommunication and our forgiveness, not those who enabled you to live …".

(emphases mine)

Just after the publication of Archbishop Fisichella’s article the official press speaker of the Vatican, Father Lombardi, was quoted as having said:

"In proposito valgono le considerazioni di monsignor Rino Fisichella, che su ‘L’Osservatore Romano’ ha lamentato la scomunica dichiarata con troppa fretta dall’arcivescovo di Recife. Nessun caso limite deve oscurare il vero senso del discorso del Santo Padre, che si riferiva a una cosa estremamente diversa. [...] Il papa non ha parlato assolutamente di aborto terapeutico e non ha detto che deve essere sempre rifiutato." (emphasis mine)
http://chiesa.espresso.repubblica.it/, 23.3.2009 Mine vaganti. In Africa il preservativo, in Brasile l’aborto.

In spite of a flood of pro-abortionist’s praise of Mons. Fisichella and the world-wide attribution of a defense of therapeutic abortion to him, and notwithstanding distinguished PAV members’ and other personalities’ letters to the archbishop, neither Mons. Fisichella nor Father Lombardi have in any way changed or corrected their press statements, although these, at least in the wording of their texts, take a position that is directly and explicitly against the great ethical tradition from Hippocrates and Socrates on, and against the entire tradition of Church teaching on this important matter and particularly against the dogmatic declaration on procured abortion in Evangelium Vitae. Let me quote the unforgettably beautiful words of the Encyclical:

Therefore, by the authority which Christ conferred upon Peter and his Successors, and in communion with the Bishops of the Catholic Church, I confirm that the direct and voluntary killing of an innocent human being is always gravely immoral. This doctrine, based upon that unwritten law which man, in the light of reason, finds in his own heart (cf. Rom 2:14-15), is reaffirmed by Sacred Scripture, transmitted by the Tradition of the Church and taught by the ordinary and universal Magisterium.

The deliberate decision to deprive an innocent human being of his life is always morally evil and can never be licit either as an end in itself or as a means to a good end. It is in fact a grave act of disobedience to the moral law, and indeed to God himself, the author and guarantor of that law; it contradicts the fundamental virtues of justice and charity. "Nothing and no one can in any way permit the killing of an innocent human being, whether a fetus or an embryo, an infant or an adult, an old person, or one suffering from an incurable disease, or a person who is dying. Furthermore, no one is permitted to ask for this act of killing, either for himself or herself or for another person entrusted to his or her care, nor can he or she consent to it, either explicitly or implicitly. Nor can any authority legitimately recommend or permit such an action".

There is a clear contradiction to this text in Mons. Fisichella’s and in Father Lombardi´s remarks to the effect that therapeutic abortion to save a mother’s life (which was NOT the case in the Brazilian girl) is not intrinsically and always wrong.

Since huge damage has been done to many persons, and possibly many babies have died in consequence of these influential remarks, and since a fraternal request for corrections directed to Mons. Fisichella have not brought any result, I feel it to be my duty to express my ardent hope that the highest teaching authorities of the Church may express quickly and clearly the authentic Church teaching on the intrinsic evil of any abortion and correct publicly and unambiguously the mentioned statements, in order to teach the truth and to divert as much as is still possible the devastating consequences of the mentioned statements which may be expected to lead, as can be inferred from the hundreds ofreactions world-wide, even Catholic hospitals and doctors to defend the horrendous evil and murder misnamed "therapeutic abortion". They would do this while claiming for their even philosophically and ethically false position, that contradicts "natural moral law", the authority of a "new Church teaching".

Even though Evangelium Vitae and the Church position on this matter are completely clear, it would in my opinion still be necessary, in order to reduce the harm done, that the highest representatives of the Magisterium reassert the above quoted teaching of Evangelium Vitae and explicitly apply it to abortion performed on minors and to any other so-called therapeutic abortion.

Since the article of Mons. Fisichella also constitutes a serious injustice to the archbishop of  Olinda and Recife in the way it describes the concrete case of the poor nine year old girl, I wish to attach the official and very convincing corrections of the archdiocese:

Josef Seifert


Chiarificazioni dell’arcidiocesi di Olinda e Recife

Riguardo all’articolo "Dalla parte della bambina brasiliana", pubblicato su "L’Osservatore Romano" il giorno 15 marzo, noi sottoscritti dichiariamo:

1. Il fatto dello stupro non è avvenuto a Recife, come dice l’articolo, ma nella città di Alagoinha, diocesi di Pesqueira. Mentre l’aborto è stato praticato a Recife.

2. Tutti noi - a cominciare dal parroco di Alagoinha, che è tra i firmatari - siamo stati vicini alla fanciulla incinta e alla sua famiglia con grande carità e affetto. Il parroco, mettendo in opera la sua sollecitudine pastorale, raggiunto dalla notizia quand’era a casa, si recò immediatamente a casa della famiglia, dove incontrò la fanciulla per darle sostegno e accompagnamento, posta la grave e difficile situazione nella quale la fanciulla si era trovata. Questa attitudine è stata mantenuta in tutti i giorni successivi, ad Alagoinha come a Recife, dove si è avuto il triste finale dell’aborto di due innocenti. Pertanto, fu evidente e inequivocabile che nessuno pensò in primo luogo alla "scomunica". Abbiamo fatto ricorso a tutti i mezzi a nostra disposizione per evitare l’aborto e salvare le tre vite. Il parroco affiancò di persona il Consiglio tutelare della città in tutte le iniziative finalizzate al bene della fanciulla e dei suoi figli. Sia nell’ospedale che nelle visite quotidiane diede prova di un affetto e di un’attenzione che fecero capire, tanto alla fanciulla come a sua madre, che entrambe non erano sole, ma che la Chiesa, lì rappresentata dal parroco del luogo, assicurava loro l’assistenza necessaria e la certezza che tutto si sarebbe fatto per il bene della fanciulla e per salvare i suoi due figli.

3. Dopo che la fanciulla fu trasferita in un ospedale della città di Recife, abbiamo fatto ricorso a tutti i mezzi legali per evitare l’aborto. In nessun momento la Chiesa fu assente dall’ospedale. Il parroco della fanciulla si recava in ospedale ogni giorno, partendo dalla sua città che dista 230 chilometri da Recife, senza risparmiare alcuno sforzo, affinché tanto la fanciulla come sua madre sentissero la presenza di Gesù, il Buon Pastore che va incontro alle pecorelle che hanno più bisogno del suo aiuto. In questo modo la vicenda fu trattata con tutta l’attenzione dovuta da parte della Chiesa e non "sbrigativamente" come dice l’articolo.

4. Non siamo d’accordo con l’affermazione che "la decisione è ardua… per la stessa legge morale". La nostra santa Chiesa non cessa di proclamare che la legge morale è chiarissima: mai è lecito sopprimere la vita di un innocente per salvare un’altra vita. I fatti oggettivi sono questi: vi sono medici che dichiarano esplicitamente di aver praticato e voler continuare a praticare aborti, mentre ve ne sono altri che dichiarano con altrettanta fermezza che un aborto non lo praticheranno mai. Questa è la dichiarazione scritta e firmata di un medico cattolico brasiliano: "Come medico ostetrico da 50 anni, formato alla facoltà nazionale di medicina  della Università del Brasile, e come ex primario della clinica ostetrica dell’ospedale di Andarai, nel quale ho operato per 35 anni fino al mio pensionamento, per dedicarmi al diaconato, e avendo praticato 4524 parti, molti in età minorile, mai ho avuto la necessità di ricorrere all’aborto per ‘salvare vite’, al pari di tutti i miei colleghi retti ed onesti nella loro professione, fedeli al giuramento di Ippocrate".

5. È falsa l’affermazione che il fatto fu divulgato nei giornali solo perché l’arcivescovo di Olinda e Recife si affrettò a dichiarare la scomunica. Basta osservare che il caso divenne di dominio pubblico ad Alagoinha mercoledì 25 febbraio, l’arcivescovo fece le sue dichiarazioni alla stampa il 3 marzo e l’aborto fu effettuato il 4 marzo. Era impensabile che la stampa brasiliana, di fronte a un fatto di tale gravità, lo tenesse sotto silenzio per sei giorni. La realtà dei fatti è che la notizia della fanciulla - "Carmen" - incinta fu divulgata nei giorni precedenti l’attuazione dell’aborto. Solo allora, martedì 3 marzo, interrogato dai giornalisti, l’arcivescovo menzionò il canone 1398 [del codice di diritto canonico]. Siamo convinti che la divulgazione di questa pena medicinale, la scomunica, faccia bene a molti cattolici, per indurli ad evitare questo peccato gravissimo. Il silenzio della Chiesa sarebbe molto equivocato, soprattutto di fronte alla constatazione che nel mondo si compiono cinquanta milioni di aborti ogni anno e solo nel Brasile si sopprimono un milione di vite innocenti. Il silenzio può essere interpretato come connivenza o complicità. Se qualche medico avesse una "coscienza dubbiosa" prima di praticare un aborto (cosa che ci sembra estremamente improbabile), egli, se cattolico e tenuto ad osservare la legge di Dio, dovrebbe consultare un direttore spirituale.

6. In altre parole, l’articolo è un affronto diretto alla difesa della vita delle tre creature, fatta col massimo della forza dall’arcivescovo José Cardoso Sobrinho, e mostra che l’autore non possiede le basi e le informazioni necessarie per parlare della vicenda, a motivo della sua totale ignoranza dei particolari del fatto. L’ospedale che ha effettuato l’aborto sulla fanciulla è uno di quelli che compiono sistematicamente questa pratica nel nostro Stato, sotto il manto della "legalità". I medici che hanno praticato l’aborto dei due gemelli hanno dichiarato e continuano a dichiarare sui media nazionali d’aver compiuto un atto che sono soliti compiere "con molto orgoglio". Uno di essi ha aggiunto: "Già sono stato in passato scomunicato più volte".

7. L’autore si è arrogato il diritto di parlare di ciò che non conosceva, senza fare lo sforzo di conversare previamente in modo fraterno ed evangelico con l’arcivescovo, e per questo atto imprudente sta causando una grande confusione tra i fedeli cattolici del Brasile. Invece di consultare il suo fratello nell’episcopato, ha preferito dar credito alla nostra stampa molto spesso anticlericale.

Recife, 16 marzo 2009

Edvaldo Bezerra da Silva
Vicario generale dell’arcidiocesi di Olinda e Recife

Cicero Ferreira de Paula
Cancelliere dell’arcidiocesi di Olinda e Recife

Moisés Ferreira de Lima
Rettore del seminario arcidiocesano

Márcio Miranda
Avvocato dell’arcidiocesi di Olinda e Recife

Edson Rodrigues
Parroco di Alagoinha, diocesi di Pesqueira
__________


L’articolo uscito su "L’Osservatore Romano" del 15 marzo 2009, oggetto della dichiarazione dell’arcidiocesi di Olinda e Recife: 

You can make a difference!

Can you donate today?


Share this article